ARCA Lazio  - Associazioni Regionali Cardiologi Ambulatoriali
Stiamo aggiornando il nostro portale e ci scusiamo per l'eventuale disagio.
Saremo presto completamente operativi


La nostra storia



 
L'ARCA Lazio si costituisce a Roma nel 1996 raccogliendo un piccolo gruppo di cardiologi che si prefigge l'obiettivo di organizzare programmi di aggiornamento professionale e di collaborazione tra cardiologi ospedalieri e cardiologi del territorio, al fine di migliorare l'assistenza al malato cardiologico.

Il primo presidente, Claudio Coarelli, rimane in carica fino al 1997 quando subentra Salvatore Latella. Latella guida l'ARCA Lazio fino al 2005, anno della sua scomparsa. In questi anni vengono organizzati seminari, corsi, congressi , ma sono molti anche i momenti di aggregazione sociale: il gruppo aumenta raccogliendo anche cardiologi ospedalieri e specialisti di branche affini.

Dal 2006 al 2012 il presidente è Orazio Bonaccorso, continuano le iniziative scientifiche e le collaborazioni con altre società scientifiche , i seminari, i corsi, i congressi con la rassicurante presenza del Prof. Mario Sangiorgi. Sempre più forte è la volontà di affermare l'importanza del lavoro svolto dai cardiologi ambulatoriali nella gestione integrata ospedale-territorio. Interessante anche la collaborazione con la SICOA e con il Dott. Franco Di Mario, responsabile regionale in quegli anni, nella organizzazione di congressi congiunti.

Dal 2012 al 2018 l'ARCA Lazio è guidata dal Dott. Luciano Arcari che, con lo stesso spirito intraprendente che ha caratterizzato i suoi predecessori, ha continuato ad organizzare eventi di arricchimento scientifico per i cardiologi ambulatoriali che ospitano anche cardiologi ospedalieri e universitari . Gli iscritti sono oltre 400, con una notevole percentuale di giovani, e numerose sono le iniziative che coinvolgono cardiologi ma anche diabetologi, medici dello sport, internisti, broncopneumologi, endocrinologi.

Attualmente ARCA Lazio è diretta dal Dott. Angelo D'Urso, Cardiologo ambulatoriale ASL RM 1 e RM 2.